3cento

Condoglianze

Morì.
Al funerale la moglie piangeva. Quando era vivo gli metteva le corna ogni week end (di sabato, solitamente fra le 15:00 e le 19:00) con il suo capo ufficio.
Il capo ufficio, che tenne una breve e commossa orazione, lodandone la brillantezza sul posto di lavoro, lo considerava un fastidioso, petulante, brutto credulone. Per questo andava a letto con sua moglie.
I figli portarono la bara. Il maggiore pensava fosse la bara di un perdente. Il minore, che con lui aveva passato troppo poco tempo, non pensava nulla.
Gli amici, riuniti al bar, brindarono ai bei momenti andati, ma, a essere sinceri, non riuscivano a ricordarne nessuno.
Centocinquanta anni dopo il cimitero dove l’uomo era stato sepolto venne raso al suolo.
Ci costruirono un parcheggio.

                                                                                                                           Massimiliano Maggi

Un pensiero riguardo “Condoglianze”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...